Piccolo e pronto a conquis-tare il mondo

Un'azienda canadese ha sviluppato con successo il braccio robotico indus-triale più piccolo e preciso in assoluto. Il dispositivo è abbastanza piccolo da poter stare nel palmo di una mano.

La storia inizia, come spesso succede, dal coraggio di una start-up. Nel 2013 Jonathan Coulombe e Ilian Bonev fondano la Mecademic. I due si conoscono dai tempi dell'universi-tà di ingegneria di Montréal, dove Coulombe si stà laureando e Bonev lavora come docen-te. Insieme hanno sviluppato un robot di formazione per le università. Ma è con la crea-zione della Mecademic che fanno un vero e proprio passo avanti. L'obiettivo è quello di sviluppare robot industriali molto più piccoli, intuitivi e precisi dei modelli esistenti.

Sistema di comando integrato nella base

Tre anni dopo il risultato: Bonev e Coulombe ce l'hanno fatta. Il braccio robotico Meca500 a 6 gradi di libertà è grande la metà di tutti gli altri robot industriali di piccole dimensioni. Pesa meno di 5 chilogrammi e la sua base può stare nel palmo di una mano. Ciononostante presenta una capacità di carico utile di 500 g. Il sistema di comando integrato permette di risparmiare spazio e semplifica enormemente l'utilizzo. Tutto ciò che serve è un'alimentazione da 24 V, un computer e un cavo Ethernet: tanto basta per programmare e usare il Meca500.

Dimensioni ridotte grazie ai motori flat

Il CEO Jonathan Coulombe è particolarmente orgoglioso della propria "creatura" e dichia-ra: "Installare tutti i componenti in così poco spazio è stata davvero un'impresa titanica." Anche gli azionamenti utilizzati dovevano esser piccoli ma potenti. E ovviamente soddis-fare gli elevati requisiti di qualità. "Per quanto riguarda precisione e durata, gli azionamenti non devono avere uguali. D'altra parte devono essere utilizzati senza sosta per diversi anni." Ecco perché la Mecademic ha scelto di utilizzare i motori flat brushless maxon. Questi motori DC sono rinomati per la loro struttura compatta e l'elevata coppia. Nel Meca500 la combinazione di riduttori a gioco zero ed encoder ad alta risoluzione garantisce movimenti estremamente precisi.
Il braccio robotico ha una ripetibilità di 0,005mm, venti volte inferiore allo spessore di un foglio di carta.

Robot collaborativo grazie all'update del firmware

"Il nostro obiettivo è quello di creare un nuovo mercato per i robot industriali estremamente compatti", dichiara Ilian Bonev. Questi possono esser utilizzati, tra l'altro, come componenti standard per i costruttori di macchinari, nelle linee di montaggio o nelle apparecchiature mediche. Le applicazioni possibili sono svariate: possono essere di ausilio durante operazioni chirurgiche veterinarie o aiutare nella produzione di orologi e gioielli. Il braccio robotico è in grado di svolgere anche comuni operazioni pick-and-place o di eseguire interventi di ispezione.
Ma Meca500 non è che l'inizio di una serie di robot: sono già infatti in fase di sviluppo nuovi tipi. "Vogliamo offrire i robot industriali più piccoli e precisi in assoluto per aprire la strada a nuovi prodotti, applicazioni e scoperte" dichiara Bonev. Inoltre, Mecamedic sta sviluppando un proprio gripper per il braccio robotico. E su richiesta dei clienti, l'azienda fornisce anche il firmware customizzato per rispondere alle singole richieste. Il Meca500 può essere utilizzato anche come robot collaborativo perché dispone di una funzione supplementare che impedisce le collisioni.

 © maxon motor ag

Navigatore prodotti

Contatto

maxon motor italia S.r.l.

Società UnipersonaleVia Sirtori 3520017 Rho MIItalia
+39 02 93580588 +39 02 93580473
Contatto