Una vespa dà l'esempio

Che cosa hanno in comune le vespe e la neurochirurgia? In realtà non molto, tuttavia per un gruppo di ricerca in Inghilterra una specifica specie di vespa è stata presa a modello per lo sviluppo di un ago chirurgico per la neurochirurgia.

Nella neurochirurgia moderna, il trattamento di tumori con farmaci avviene di norma iniettando il farmaco nel tessuto cerebrale attraverso un ago rigido e sottile. In questa pratica il rischio di rovinare il tessuto sano è molto alto poiché gli aghi rigidi possono penetrare solo mediante percorsi rettilinei in una determinata regione del cervello. La soluzione perfetta sarebbe uno strumento chirurgico flessibile.

E qui entra in gioco l'Imperial College di Londra. Il team del dottor Rodriguez y Baena ha lavorato negli ultimi anni a un progetto il cui scopo è sviluppare un ago robotico flessibile con cui sia possibile raggiungere le regioni profonde del cervello, evitando allo stesso tempo le zone particolarmente critiche. Il giovane gruppo di ricercatori imita lo speciale meccanismo di una vespa del legno femmina che depone le uova nel legno degli alberi mediante un ovopositore a trivella sottile ma molto robusto. STING (Soft Tissue Intervention and Neurosurgical Guide) è il nome del prototipo sviluppato dai ricercatori: è composto da quattro segmenti dal diametro totale di 2,5 millimetri. Viene tenuto insieme da un meccanismo a ingranaggi simile a un puzzle. Gli azionamenti maxon generano i movimenti in avanti e indietro dei segmenti.

La gamma completa

Il dottor Riccardo Secoli è uno dei membri del gruppo di ricerca all'Imperial College. Per l'applicazione ha scelto il motore EC20 flat brushless maxon con riduttore planetario GP22. Per il controllo esatto viene utilizzato il comando di posizionamento EPOS 24/2. "Il facile accesso all'interfaccia API (Application Programming Interface) è stato decisivo per la nostra scelta. Inoltre maxon è l'unico produttore che offre l'intera gamma: motore, riduttore, controller", afferma Secoli.

Nel quadro del programma UE per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020, all'inizio del 2016 il team di ricercatori ha ottenuto una sovvenzione di 8,3 milioni di euro. L'obiettivo del nuovo progetto denominato EDEN2020 (Enhanced Delivery Ecosystem for Neurosurgery, www.eden2020.eu) è la creazione fino al 2020 di un nuovo standard nel campo della diagnosi e della terapia neurochirurgica.

 © maxon motor ag

Navigatore prodotti

Contatto

maxon motor italia S.r.l.

Società UnipersonaleVia Sirtori 3520017 Rho MIItalia
+39 02 93580588 +39 02 93580473
Contatto